martedì 27 maggio 2014

Mese dell'Informazione con BFVEA 21/5-21/6/2014

Qualche informazione sulle essenze floreali e le tecniche vibrazionali?

LA FLORITERAPIA utilizza  essenze di fiori  e piante selvatici per il riequilibrio energetico/vibrazionale di  squilibri emozionali come ansia, insicurezza, paura, ipersensibilità, rabbia, ecc. che  possono portare disturbi fisici e malattie. Ogni fiore corrisponde ad uno squilibrio su cui l’essenza  è in grado di agire per riarmonizzarlo, in maniera dolce, graduale, ma profonda. La scelta dei rimedi avviene secondo un criterio di corrispondenza e analogia tra lo stato d'animo negativo della persona e il campo d'azione del fiore scelto. Non hanno alcun tipo di effetto collaterale o tossicità, sono di facile utilizzo e sono adatti a chiunque, dai bambini, agli anziani alle donne in gravidanza, agli animali e alle piante. Non esiste un rimedio standard adatto a tutti, perché uno stesso problema può derivare da squilibri emozionali diversi che cambiano da persona a persona, perciò bisogna analizzare con cura lo stato d'animo disarmonico, individuando poi i rimedi indicati per riequilibrarlo. La floriterapia  tiene conto dell'individuo nella sua globalità ed unicità: Anima - Mente e Corpo. Non è importante quale sia il sintomo che si presenta, ma come viene vissuto dalla persona. L'essenza del fiore aiuta ad armonizzare la virtù opposta (per esempio in caso di paura il fiore svilupperà il coraggio).
Perchè il fiore? Perchè nel fiore è racchiuso tutto il potenziale della pianta stessa. Le radici, il fusto e le foglie racchiudono la parte più materiale e già manifesta, mentre il seme ancora non manifesto, riassume in esso tutte le caratteristiche peculiari della pianta, permettendo la sua riproduzione. Il fiore è il ponte, il legame che simbolicamente e materialmente collega queste due parti.
AGISCONO A LIVELLO VIBRAZIONALE poiché non contengono molecole, quindi non vanno a cambiare la struttura fisica come per esempio fanno i medicinali, e per questo non hanno effetti collaterali. Quando si parla di "vibrazionale" si parte dal presupposto che ogni organismo dell'universo contenga energia (ogni cosa possiede un proprio campo elettromagnetico misurabile) e che tale energia possa fluire in modo più o meno uniforme. La malattia è il segno di un'irregolarità nella distribuzione di energia, e va curata riportando i livelli energetici ad uno stato ottimale in intensità o in armonia e uniformità del campo. La nostra componente energetica è pienamente dimostrata dalle filosofie orientali millenarie come la Medicina Tradizionale Cinese, l’Ayurveda, e dalla moderna fisica quantistica.
Della Medicina Vibrazionale fanno parte tutte le  tecniche naturali e complementari alla medicina tradizionale, che contribuiscono al riequilibrio del benessere individuale, fisico emozionale. Oltre alla floriterapia, possiamo citare la cromopuntura, la cromoterapia, la cristalloterapia, l’agopuntura, l’omeopatia ecc.
I principali repertori utilizzati in floriterapia sono i fiori di Bach, il sistema inglese creato dal dr Edward Bach (1886-1936), i fiori australiani del repertorio del Bush (territorio selvaggio autraliano) creati dal naturopata Ian White, i fiori californiani di Richard Kats e Patricia Kaminski, fondatori della FES (Flower Essence Society). Questi sono i repertori che utilizzo. Molte sono le essenze vibrazionali esistenti in tutto il mondo e anche in Italia, create anche da cristalli, elementi della natura, orchidee, ecc.  Per farvi un’idea: http://www.natur.it/linee-prodotto .


Per informazioni: d.galbiati62@gmail.com   


Nessun commento:

Posta un commento