venerdì 4 ottobre 2013

Suoni a colori

Gli effetti terapeutici della musica sono ormai riconosciuti. Anche la musica è una vibrazione, ha frequenze vibratorie quindi è una forma di energia che influenza il nostro campo energetico, quindi il nostro benessere ad ogni livello. Semplicemente ascoltando buona musica o musica heavy metal, le nostre sensazioni sono sicuramente diverse e ci 'sentiremo' in modo diverso. Pensate anche al suono dell' Om o delle campane tibetane, o l'ascolto di brani di Mozart a cui si riconduce la teoria del cosiddetto 'effetto Mozart', di cui si trovano diversi cd e il libro di Don Campbell.

Nella Medicina Esogetica non parliamo di musicoterapia, ma di terapia cromosonora. Grazie al lavoro di due ricercatori, Ludovika Helm e Kay Korten-Helm, i contenuti dell'Esogetica sono stati ''trasferiti'' in modelli sonori, in suoni. Vibrazioni musicali, sonore che influenzano i modelli energetici individuali, o flussi energetici individuali ... insomma, la nostra energia vitale. Il risultato? un aiuto per riequilibrare e sostenere le funzioni fisiche e mentali. Frequenze dei colori e frequenze sonore per riportare equilibrio fisico e profondo. 

Attraverso l'ascolto di speciali cd, questo tipo di terapia si integra con tutti i protocolli della medicina Esogetica e sono consigliati anche come continuazione delle terapie a casa, tra una seduta e l'altra. Tra i vari cd (che potete trovare sul sito www.cromo-pharma.it , la serie dei 4 cd per la soluzione dei conflitti, direi che è la più importante, visto che il concetto dei conflitti è alla base dell'Esogetica e non solo. Perchè non integrare anche questa forma terapeutica alle diverse possibilità offerte dalla naturopatia per il nostro benessere? 

Al di là della musicoterapia o della terapia cromosonora, scegli bene la tua musica!Anche le parole sono suoni, sia che le ascoltiamo, sia che le pronunciamo. Tutto interferisce e interagisce con noi e la nostra salute. 

Per ulteriori informazioni o per provare un ascolto speciale, contattami.

Nessun commento:

Posta un commento